.
 acao  officineghidotti
 Paratek Safety Systems  Gliderservice logo
 mazzucchelli logo  sit logo
 TOST  stemme
 stemme  logo cantorairtech
 icaro2000  disaronno logo
 alisport  Cantor
 hph 1  Gliderservice logo
lxnavigation air avionic
Impressioni sulla sua stagione 2009 ... indimenticabile!
(NdR: un'intervista nei contenuti sempre attuale  - fonte, www.planeur.net)
Bouderlique Louis


Louis, quest'estate hai vinto il Campionato Europeo a Nitra nella classe 15m su Ventus 2 EQ del CNVV, qual è il tuo bilancio di questa stagione ?
2009 resterà negli annali!
Un titolo di campione europeo e un podio ai campionati francesi di Vinon sono una bella ricompensa dopo aver investito così tanto negli ultimi tre anni.
Vorrei ringraziare Marc, Christophe, Sylvain e Laurent, che volavano nella 18m e nella LiberA, per il loro aiuto in volo e il loro buon umore a terra! Questo risultato è ancora più grande perché con Christophe Ruch siamo due francesi sul podio in 15m! Il volo di squadra ci ha permesso di recuperare il suo fuoricampo del 1° giorno !
Ricorderò per tutta la vita il momento magico dell'inno "Marsigliese" durante la cerimonia di premiazione !
Ventus2a EQ France

Qual è stata la sua preparazione prima del Campionato Europeo: l'allenamento? La concorrenza? Il Volo di Squadra ?
Questo titolo è il frutto di un lavoro iniziato nel 2006!
Dopo le selezioni del 2001 e del 2003 nella squadra juniores e la pausa sportiva nel 2004 e 2005, dovevo riqualificarmi nella squadra francese ...
A quel tempo, ne ho discusso molto con Eric Napoléon: come rientrare nella squadra francese e essere vincente?
Essere un "buon pilota" non è sufficiente per vincere. Bisogna saper volare con gli avversari e individuare il momento giusto per fare la differenza.
Volare da soli contro tutti è una garanzia di fallimento ...

Nel 2006 ho avuto la fortuna di partecipare ai campionati inglesi, classe Standard, a Bicester (Inghilterra). Ho seguito alla lettera i consigli di Eric e, dopo 7 gare, mi sono classificato al primo posto davanti a 46 inglesi a casa loro!
Grazie a questo risultato, sono stato selezionato per i Campionati Europei, che sono considerati un trampolino di lancio per le competizioni internazionali.

Dal 2007 volo con Christophe Ruch nella classe 15 metri. Il fattore più importante del nostro successo comune è il volo di squadra.
Per raggiungere questo obiettivo, abbiamo fatto molte gare insieme per conoscerci, rispettarci e soprattutto apprezzarci.

Come campo di allenamento, abbiamo partecipato insieme a molti campionati negli ultimi tre anni: "British Overseas" a Ocaña (Spagna), Hahnweide (Germania), campionati inglesi a Tibenham e Husbands Bosworth, campionati francesi a Saint Florentin e Vinon ...

Sono convinto che il miglior allenamento per la competizione sia la competizione!
Questo ci ha permesso di affinare i 'fondamentali':
- selezionare le giuste termiche,
- salire bene,
- planare bene,
- gestire bene il carico alare,
- scegliere il giusto orario di partenza,
- saper usare gli avversari,
- fare dei bei rientri tirati.

Inoltre, è basilare avere un velivolo perfettamente preparato.
Il centraggio deve essere perfetto per andare meglio degli altri, indipendentemente dal carico alare!
Abbiamo effettuato alcune pesate per regolare l'equilibrio con l'aggiunta di piombo nel naso o nella coda. Si tratta di poche centinaia di grammi sul peso max. al decollo di 525 kg!

È importante mantenere un buon centraggio, quando si scaricano i ballast.
Conoscere l'evoluzione del carico alare in funzione del tempo di scarico è altrettanto essenziale!
Conoscere così il proprio mezzo in questo modo permette di decollare ogni giorno al peso massimo senza fare al mattino una scelta prematura sul carico alare.

Il fatto di poter salire meglio degli altri piloti è un grande vantaggio!

Infine, anche la preparazione mentale è molto importante. Sono i fallimenti che ci fanno progredire al meglio.
Grazie a Eric Napoleon, abbiamo potuto imparare dagli errori commessi a Lüsse (Germania) l'anno scorso (2008) e applicarli a Nitra (Slovacchia) quest'anno (2009).

La scelta dell'orario di partenza di ogni prova è fondamentale. Bisogna trovare un compromesso tra:
- l'evoluzione della meteo - criterio base -  e
- la tattica
per partire bene; è qui che abbiamo fatto i maggiori progressi negli ultimi due anni.

Come vedi Nitra? L'aerologia? I campi?
Nitra (Slovacchia) è una splendida piattaforma situata al limite tra la pianura ungherese e una media catena montuosa del nord: i Tatra. Le condizioni sono un po' particolari, ma mi piace molto volare lì.

Ci sono molti cambi di ritmo, a volte da 1,5 m/s a più di 3 m/s! Le condizioni sono molto variabili da una valle all'altra. Non è il volo in montagna come lo conosciamo in Francia.

La grande particolarità di Nitra è la grande differenza tra le diverse fasce di lavoro! Le termiche sono sempre più potenti sulla cima ! Vladimir Foltin (l'organizzatore) ama ricordarci che a 1200 metri siamo al punto più basso ! Non esitate quindi a fare 2 o 3 giri con un vario medio per ottenere il plafond sotto ogni cumulo.

Quest'anno il tempo è stato molto temporalesco (6 o 7 giorni su 9 prove). Direi che è stata una gara in cui le scelte fatte sono state più orientate dalla "meteo" che dalla "tattica"...

I campi: ce n'erano dopo la mietitura, altrimenti era dura. In particolare durante la prima metà del campionato ...

Con Christophe (3° classificato) e il coach: avete adottato una strategia particolare una volta che avete preso il comando (alla 5° prova)? Non c'era troppa pressione?
La strategia di ogni volo è stata sempre la stessa, dall'inizio alla fine del campionato. Siamo stati molto rigorosi nella scelta degli orari di partenza. Abbiamo cercato di non perderci con altri piloti facendo inutili spirali prima della partenza. Abbiamo volato con gli avversari, quando si doveva, e abbiamo preso il largo volando in coppia quando l'abbiamo voluto!

Una delle chiavi del clima selettivo di Nitra è stato anche il rigore nella scelta dell'esatto carico alare in tutte le fasi di volo. È vero che eravamo sotto pressione verso la fine, soprattutto quando eravamo entrambi sul podio.

In un campionato importante come questo, per vincere bisogna essere costanti! E soprattutto, niente fuoricampo! Per la maggior parte del campionato, son sempre stato tra il 2° e il 6° posto (ma mai 1°)!
2009 EGC Nitra Podio 15m
Quali sono stati i suoi avversari più duri?
Il livello era molto alto. Basta guardare i vertici della classifica IGC per rendersene conto: Gulyas, Kawa, Wells, Hartmann, Louzecky ...
Durante un campionato, è importante sapere quale pilota è regolare ad alto livello; questo è sempre un buon punto di riferimento nel volo.

È anche importante sapere quale pilota è in buona forma durante la competizione: il polacco Lukasz Wojcik su Diana2 - ad esempio - ha vinto le ultime 3 prove !

Come si organizza l'aiuto tra i piloti delle diverse "classi" durante un campionato internazionale?
Per un campionato internazionale, si crea un team di circa 15 persone (piloti, coach,aiutanti di terra, ...). Non è facile vivere insieme e organizzarsi per quasi 3 settimane, ognuno deve metterci della buona volontà e voler integrarsi ...

A Nitra l'atmosfera era eccellente ! Questa è un aspetto importante per il successo della squadra !

In volo, le previsioni meteorologiche vengono condivise - ad esempio - prima dell'apertura del traguardo di partenza per valutare l'evoluzione dei temporali. Quando una classe passa su una zona prima dell'altra, può informare gli altri sugli orientamenti dei piovaschi e sulle strade di cumuli; questo ci ha permesso di fare correzioni di rotta oculate su alcuni lati e di raggiungere così direttamente la meteo favorevole, se non bomba !

Durante le AAT, le informazioni più generali sui valori di salita e plafond (per zona) ci hanno permesso di scegliere in quali cerchi dovevamo allungare ... Nel complesso, il team francese ha ottenuto ottimi risultati durante le AAT !

Può spiegare il ruolo del coach in un campionato internazionale?
Il suo ruolo è preponderante! È un lavoro costante (anche di notte...;-) ) per tutto il campionato! Philippe De Pechy è stato davvero eccellente in questo ruolo ! È stato di grande aiuto sia a terra che in aria.

In volo, ci ha fornito informazioni "meteo" sull'evoluzione dei temporali con SAT24 ogni ¼ d'ora per aiutarci a prendere le decisioni giuste e ci ha fornito le sue osservazioni da terra.
Ad esempio: "c'è una strada molto bella, orientata a 330°, che riporta a Nitra almeno dal km 50". Questo tipo di informazione ci ha dato la possibilità di guadagnare qualche km/h durante un AAT !

A terra, e questa è probabilmente la cosa più importante, è il direttore d'orchestra di tutta la piccola squadra.
Supervisiona il lavoro dei membri del team e risolve eventuali problemi dell'ultimo minuto (su questo punto, sono stato ben aiutato ...).

Avevamo anche 2 briefing al giorno:
- il 1° durava circa 20 minuti, prima del briefing dell'organizzatore, per rivedere la prova del giorno precedente e
- il 2° (subito dopo il briefing dell'organizzatore) serviva a preparare la prova del giorno, ad analizzare le aree comuni alle diverse classi e a definire la finestra di volo del giorno ...

Philippe ha anche preparato delle cartine con i "task" delle altre tre classi su un unico foglio. È stato perfetto per ottenere le informazioni giuste al momento giusto del volo !
Ma la cosa migliore da fare è parlarne con lui ...

Qual è il ruolo dell'équipe di terra?
La squadra di terra (un grazie ai miei genitori e a tutti gli altri aiutanti !) si occupa dell'aliante, del suo zavorramento, dello schieramento, della pesata giornaliera, della pulizia alla sera e del suo ancoraggio per la notte. È molto lavoro e fatica in meno soprattutto, quando le prove si susseguono senza alcun giorno di riposo (abbiamo effettuato 8 prove consecutive). Bisogna tenere il passo fisicamente.

Inoltre, i membri del team si aiutano a vicenda. Ho avuto parecchi problemi tecnici e il nostro team di terra (Hubert Ruch e Lionel Virely per citarne solo due) andava a prendere l'attrezzatura dalla squadra tedesca o inglese quando non avevamo i pezzi di ricambio giusti. Ad esempio, 30 minuti prima del decollo ho dovuto sostituire sul Ventus il soffietto di gomma dello scarico- zavorra. Il giorno dopo ho dovuto riparare gli sportelli del carrello, che si erano strappati durante l'atterraggio ...

Che conforto poter contare su una squadra del genere !

Che avionica utilizzate: computer? PDA?
Il Ventus2a del CNVV è equipaggiato con un "vecchio" vario mod. 100 che mi piace molto e con uno Zander 940. D'altra parte, ho un sistema indipendente alimentato a batteria, Volkslogger, IPAQ 5550. Quest'anno utilizzavo Winpilot, ma metà del team utilizzava SeeYou Mobile.

Che tipo di supporto (finanziario, materiale, ....) ricevono i piloti francesi che partecipano a un campionato europeo?
Per la prima volta quest'anno, i Campionati Europei non sono stati più sostenuti dal Ministero della Gioventù e dello Sport. Tuttavia, dopo le elezioni, la FFVV ha deciso di inviare la squadra francese ai Campionati Europei e di pagare solo le iscrizioni, i traini aerei e, nel mio caso, l'aliante per il campionato.

Ad ogni modo i negoziati con il Ministero all'inizio dell'estate hanno portato a un'estensione del budget per i Campionati Europei. Questo ci fa sperare che vengano rimborsate le spese di trasporto e di pernottamento.

Grazie ai rappresentanti eletti della Federazione e alla Direzione Tecnica Nazionale !

Quali sono i vostri obiettivi per il 2010/2011?
Far meglio ;-)
Più seriamente, devo fare un 'reset' quest'anno ... Sono ancora al settimo cielo dopo questa stagione, ma dovrò scendere rapidamente per riprendere ad allenarmi tra febbraio/marzo!
Presto inizieranno le selezioni e vorrei ricomiciare con Christophe!
Bouderlique et Ruch1